Il tessuto ORTOGONALE/NAVETTA  che più si addice alla sublimazione ha come composizione principe il POLIESTERE perché risulta il più resistente alle alte temperature necessarie per la sublimazione.

Tuttavia, considerato lo “shock termico” della sublimazione, è importante utilizzare un tessuto con armature fortemente chiuse.

Le TELE, in questo caso, garantiscono un minor restringimento e quindi sono le più indicate.

FOTO AL MICROSCOPIO

TELA DI UN TESSUTO PONGE 70/70 DEN

FOTO AL MICROSCOPIO

TELA DI UN TESSUTO 300/300 DEN

Nel caso, invece, il mercato richieda armature diverse, sarà necessario eseguire dei test sui tessuti per trovare la percentuale di restringimento fisiologico ottimale della fibra e, quindi, aumentare la misura del disegno su carta (o del tessuto nel caso di stampanti dirette) che dopo la stampa risulterà delle giuste dimensioni sul tessuto.

Questa è una delle operazioni più difficili, non solo da controllare, ma soprattutto da standardizzare, perché oltre alla tolleranze del filato e dell’armatura entra in gioco il FINISSAGGIO che, a sua volta, può causare movimenti imprevisti del tessuto.

Il suggerimento da tenere presente è di considerare ogni produzione come fosse la prima.

Quindi, è importante eseguire sempre dei test prima di cominciare la produzione per prevenire ed evitare spiacevoli sorprese a prodotto finito.